Città e territorioCittà quale futuro
Ultimi post
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
06/05/2016 Joseph Rykwert
«Dal tramonto delle archistar ai progetti innovativi per le periferie sudamericane Il grande storico Joseph Rykwert parla del futuro del nostro spazio urbano
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
11/01/2016 Giorgio Nebbia
L’ILVA di Taranto è un malato intorno a cui si aggirano tanti medici come intorno al letto di Pinocchio nella casa della Fata ..
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
06/01/2016 Laura Pennacchi
«Il grande economista Anthony Atkinson indica "che cosa si può fare". Le risposte arrivano dal passato». Se l'errore del capitalismo è nella sua stessa struttura, come si può uscire dalla crisi che ha prodotto rimanendovi dentro? un tentativo.
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
12/12/2015 Enrico Franceschini
«La fotografia di Eurostat. Nei 28 Paesi dell’Unione il 17% degli alloggi è vuoto A Copenaghen i palazzi più vecchi, a Bucarest i più giovani. E il 3% è senza bagni».
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
26/11/2015 Eddyburg
Dov'è il governo pubblico delle trasformazioni della città? Non cercatelo nella pianificazione nel dibattito pubblico, nelle regole uguali per tutti. Contano solo gli interessi immobiliari dell'età della globalizzazione
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
29/10/2015 John Banville
Il nostro futuro è già lì, ed è peggio del presente raccontato da James Ballard. «John Banville recensisce il nuovo romanzo di Joseph O’Neill ambientato negli Emirati Arabi fra grottesche pacchianerie e trappole finanziarie».
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
19/03/2015 Michela Barzi
«Se il nocciolo della questione è sempre la rigida separazione funzionale delle città, che ha penalizzato le donne in virtù del tributo che esse pagano alle necessità della specie non saranno certo gli edifici disegnati da donne a fare la differenza».
Città e territorioCittà quale futuroPer comprendere
22/11/2012 Ray Bradbury
La città autoritaria dell’automobile coatta, degli schermi televisivi familiari e dei tempi di lavoro e riposo programmati. "The Pedestrian", un inquietante racconto dello scrittore appena scomparso, nella bella traduzione di Carlo Fruttero
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg