Il Ponte balcanico. Il gas israeliano potrebbe passare per i balcani
Marco Siragusa
Nena-news, 13 settembre 2018. Il gasdotto East Med, che correrà sotto il mediterraneo e che approderà in Italia, potrebbe avere un nuovo protagonista, Israele, che si giocherà questa carta per avere un ruolo ancor più centrale nella politica internazionale. (i.b.)



«In questi giorni si sta svolgendo a Salonicco l’83esimo International Trade Fair. Il 9 settembre si è svolto un incontro tra i Ministri ‎dell’Energia di Grecia, Israele, Bulgaria, Serbia e Stati Uniti per discutere della possibile ‎espansione nei Balcani del gasdotto sottomarino East Med»

La scoperta di enormi giacimenti di gas vicino le coste di Haifa ha trasformato Israele in uno dei principali produttori di gas di tutto il Mediterraneo, aumentando ulteriormente il suo peso politico nella regione. La strategia israeliana sembra essere quella di rendere l’Europa più ‎dipendente nel settore energetico e di creare nuove alleanze con i, possibili, futuri membri ‎balcanici.‎

In questi giorni si sta svolgendo a Salonicco l’83esimo International Trade Fair (8-16 Settembre), ‎considerato tra i più importanti eventi fieristici di tutto il Sud-Est Europa. Il tema principale di ‎quest’anno è quello dell’energia, con la partecipazione degli Stati Uniti in veste di “Paese ospite ‎d’onore”. Tra gli eventi in programma si è svolto, il 9 settembre, un incontro tra i Ministri ‎dell’Energia di Grecia, Israele, Bulgaria, Serbia e Stati Uniti per discutere della possibile ‎espansione nei Balcani del gasdotto sottomarino East Med. Sia il Ministro bulgaro Temenuzhka ‎Petkova che quello serbo Aleksandar Antić hanno sottolineato l’importanza del progetto che ‎garantirebbe loro un ruolo centrale nel mercato dell’energia nella regione balcanica. ‎

Nello specifico, Antić ha messo in risalto come la Serbia manchi di infrastrutture energetiche e come ‎l’attuale offerta di gas proveniente dal Mar Caspio non riesca a soddisfare pienamente la domanda ‎interna, accogliendo con grande entusiasmo il nuovo progetto East Med. La Bulgaria punta ad ‎allentare la sua dipendenza, pressoché totale, dal gas russo prodotto da Gazprom che fornisce circa il ‎‎90% del fabbisogno annuale del paese. Dal canto suo il Ministro israeliano Yuval Steinitz ha ‎garantito che lo sviluppo dei giacimenti di gas offshore israeliani renderanno Israele un ‎fornitore affidabile. L’incontro è avvenuto alla presenza del Sottosegretario all’Energia degli Stati ‎Uniti Mark Menezes a dimostrazione dell’importanza strategica del nuovo gasdotto per il ‎protagonismo statunitense nell’area.‎

Nel dicembre dello scorso anno Italia, Cipro, Grecia e Israele avevano firmato un Memorandum ‎d’intesa per la creazione di una joint venture, Ig Poseidon, tra Edison e la società greca Depa per la ‎costruzione dell’Eastern Mediterranean pipeline (EastMed), un gasdotto sottomarino che ‎trasporterà verso l’Italia il gas prodotto dalle enormi riserve recentemente scoperte a Cipro e in ‎Israele, nel cosiddetto “Leviathan field” a circa 130 chilometri dalla costa di Haifa. In occasione del ‎summit di dicembre, il Ministro Steinitz ha voluto tranquillizzare i partner mettendo in risalto come ‎la costruzione sottomarina del gasdotto riduca al minimo la possibilità di atti di sabotaggio. Il valore ‎complessivo dell’investimento è stimato in oltre 6 miliardi di euro e una volta concluso, nel 2025, ‎sarà in grado di trasportare fino a 16 miliardi di metri cubi di gas all’anno su una rete di circa 2 mila ‎km.‎

Dal punto di vista politico questo progetto persegue almeno tre obiettivi principali. Il primo è ‎quello di espandere il mercato energetico dell’Unione Europea riducendo così la sua dipendenza ‎dalla Russia. L’allargamento di East Med verso Serbia e Bulgaria, i due principali importatori di gas ‎russo nella regione, serve proprio a questo. Non a caso l’UE ha incluso il progetto nella lista dei ‎progetti di interesse comune in quanto incrementa la sicurezza e la diversificazione delle forniture.‎

Il secondo obiettivo è quello di accrescere il peso di Israele nel sempre più importante settore ‎dell’approvvigionamento energetico considerato tra i più profittevoli nel prossimo futuro. In questo ‎modo Israele si garantirebbe, contemporaneamente, un notevole vantaggio rispetto ai competitors ‎mediorientali e una sempre maggiore dipendenza energetica dei palestinesi. Infine, l’inclusione di ‎Serbia e Bulgaria servirà a evitare l’isolamento di Tel Aviv attraverso la creazione di nuovi ‎partenariati commerciali, in un momento delicato per i rapporti tra Israele e la comunità ‎internazionale.‎

Non è la prima volta che Israele stringe accordi nel settore energetico con i paesi dei Balcani. ‎Ne è dimostrazione l’avvio dei lavori per la costruzione di un impianto eolico a Kovačica, città a 60 ‎km a Nord di Belgrado. Il progetto, dal valore di 190 milioni, è stato finanziato dalla società ‎israeliana Enlight Renewable Energies, dall’agenzia di credito tedesca Erste Group Bank AG, ‎dall’Erste Bank Serbia e dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo. La stessa società ‎israeliana ha inoltre acquisito, nel 2016, il 90% del progetto di costruzione dell’impianto eolico di ‎Lukovac, nelle vicinanze di Spalato, per un totale di circa 7,5 milioni di euro. Infine, nel marzo di ‎quest’anno, ha annunciato l’acquisto dei diritti per la costruzione di un impianto eolico in Kosovo. ‎

Nei prossimi anni Tel Aviv giocherà un ruolo centrale nella fornitura di energia per l’Europa e ‎questo potrebbe portare a ulteriori consistenti investimenti anche nella regione balcanica che in ‎futuro non troppo lontano, secondo le intenzioni dell’UE, dovrebbe essere integrata nel mercato ‎unico. I paesi dei Balcani sono alla continua ricerca di investimenti esteri per migliorare le proprie ‎performance economiche e sopperire alla mancanza di capitali. Israele, in questo campo, potrebbe ‎essere quindi un importante alleato.
Sullo stesso tema
Redazione di eddyburg
Un'esortazione a piantare alberi, non tanto e solo ai singoli cittadini, ogni organizzazione di qualunque natura e orientamento, ad ogni azienda pubblica o privata, alla straordinaria rete di comuni e regioni d’Italia, al governo nazionale. Obiettivo: piantare 60 milioni di alberi il prima possibile. Qui l'appello (i.b)
Eddyburg
In Italia si continua a trivellare, soprattutto in Basilicata, il più grande giacimento petrolifero a terra di tutta Europa; i danni ambientali e sociali sono enormi. A Potenza un CONVEGNO per mettere in discussione un modello di sviluppo che sfrutta e degrada risorse, territori e lavoro. Qui il programma e una relazione di Lidia Ronzano. (i.b.)
Ilaria Boniburini
Gli incendi nella foresta amazzonica, baluardo vitale della biodiversità, contro i cambiamenti climatici e per la sopravvivenza di 30 milioni di persone, quest'anno sono aumentati dell'83% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Bolsonaro ha ripetutamente affermato che il suo paese dovrebbe aprire l'Amazzonia agli interessi commerciali, per consentire alle aziende minerarie, agricole di sfruttare le sue risorse naturali. La distruzione della parte brasiliana della foresta è notevolmente incrementata sotto il nuovo presidente. Nei primi 11 mesi, la deforestazione aveva già raggiunto i 4.565 km quadrati, con un aumento del 15% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg