0 0 0 0 0
0
0 0 0 0 0 0 0
0
0
0 > Le mie opere > Gli Eddytoriali > Eddytoriali 2010-2012
0


(16.08.2012)
«Per la determinazione dell'indennità di espropriazione delle aree di cui all'art. 18, non si terrà conto degli incrementi di valore attribuibili sia direttamente che indirettamente all'approvazione del piano regolatore generale ed alla sua attuazione». Ci è venuto in mente questo articolo quando abbiamo deciso di ricordare la nascita di quella che ancora è la fondamentale legge urbanistica italiana. Abbiamo inserito quella frase come pensiero del giorno, inseriamo come eddytoriale l’articolo che abbiamo chiesto a Vezio De Lucia. Eccolo di seguito. >>>
0


(02.07.2012)
Dicono gli ottimisti: Finalmente trova spazio l’esigenza che la comunità nazionale si faccia carico di una politica per le città. Finalmente, dicono, ci si rende conto che il destino delle città (anzi, dell’habitat dell’uomo, come preferiamo dire) non deve essere abbandonato all’idiotismo del federalismo in salsa padana o al dispotismo di un “locale” autarchico, ma all’autorità multiscalare di una «Repubblica costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato», in cui anche quest’ultimo livello svolga il suo ruolo. Replicano gli scettici: sono solo chiacchiere, propaganda, promesse a vuoto, fuffa. >>>
0


(25.04.2012)
Molti eventi di queste settimane meriterebbero una riflessione, e un’opinione. Ne colgo alcuni soltanto per esprimere su ciascuno di essi un breve commento: una nuova legge urbanistica, l’energia, il futuro della politica. Ciascuno di questi temi richiederebbe ben più delle poche righe che seguono ma … ce n’est qu’un debut, sul quale mi piacerebbe che si aprisse un ragionamento a più voci.
0


(20.02.2012)
Si è riaperta la campagna per rafforzare ope legis la possibilità della proprietà fondiaria di veder accrescere il proprio valore di scambio per effetto di decisioni politiche dei livelli più fragili del potere pubblico. >>>
0


(26.01.2012)
Pensavo che fosse uno scherzo quando ho letto il primo articolo del decreto sulle liberalizzazioni, inviatomi qui a Kigali (Rwanda) da un amico dall’Italia. Poi ho capito che era vero: si trattava dei provvedimenti per consentire la ripresa della “crescita” del paese. Tra questi mi ha particolarmente colpito l'abolizione, di fatto, della "pianificazione autoritaria: il colpo che non era riuscito a Maurizio Lupi e ai suoi alleati di destra e di sinistra. >>>
0


(04.11.2011)
Quarantacinque anni fa l’alluvione colpì le città e i territori di Venezia, Firenze, Trento, Pisa. Sessant’anni fa l’alluvione aveva colpito il Polesine, causando morti e migrazioni. >>>
0


(01.11.2011)
Nubi pesanti sul dopo-Berlusconi. A destra e a sinistra. Registriamo due fatti di questi ultimi giorni: un articolo del Corriere della sera e a un non articolo della rivista Micromega. >>>
0


(28.10.2011)
Il 29 ottobre, a Cassinetta di Lugagnano, si svolge il “Forum nazionale "Salviamo il paesaggio - Difendiamo i territori”. Confermando la piena adesione di eddyburg al movimento “Stop al consumo di territorio” e all’iniziativa del forum, abbiamo mandato messaggio la cui sostanza riportiamo di seguito. >>>
0


(30.08.2011)
Il decreto per lo sviluppo si manifesta sempre di più come lo strumento mediante il quale approfittare della crisi del finanzcapitalismo per avviare un’ulteriore raffica di saccheggi di beni comuni (materiali e immateriali) mediante le tre tappe classiche del neoliberismo: mercificazione, deregolamentazione, privatizzazione. >>>
0


(14.06.2011)
L’Italia s’è desta. Lo splendido successo dei referendum del 12-13 giugno non ha solo confermato la tendenza rivelata dalle elezioni amministrative e dai successivi ballottaggi, ma ha chiarito la direzione e gli obiettivi impliciti nel nuovo vento. Molti sono gli elementi che ci sembra utile sottolineare. >>>
0


(05.11.2010)
La critica all’attuale sistema economico, basato sulla produzione indefinita di merci sempre più lontane dai bisogni reali e sempre più dissipatrici di risorse finite, si scontra spesso con una reazione: non vorrete mica chiudere le fabbriche e gettare gli operai nell’inferno della disoccupazione? >>>
0


(22.09.2010)
Le migliaia d’iniziative di contrasto al saccheggio dei beni comuni, frammentate e disperse sul territorio, trovano in queste settimane più occasioni d’incontro. Dopo il grande successo della raccolta di firme per il referendum sull’acqua pubblica, e mentre riemerge con l’anno scolastico l’Onda della protesta per la scuola pubblica, si è svolta a Sarzana l’assemblea del movimento Stop al consumo di territorio e si conclude la preparazione dell’incontro di Teano “per un nuovo patto tra gli italiani”. >>>
0


(11.07.2010)
La strategia che subisce il territorio è chiara. Basta una parola per esprimerla: saccheggio. Non è praticato da una banda di predoni, ma da un gruppo di persone che s’è impadronito dello Stato, cioè del dispositivo che trasforma le parole (le idee, le intenzioni, gli interessi) in fatti. >>>
0


(13.05.2010)
Suscita allarme l’accelera- zione con la quale procede la privatizzazione dei beni comuni. Gridi si levano, ma sono ancora gesti isolati. Qualche voce libera sulla stampa a larga diffusione, analisi e riflessioni sempre più preoccupate sui media alternativi, resi via via più clandestini. >>>
0


(11.03.2010)
Con l’approvazione della legge siciliana si chiude il circo Barnum iniziato un anno fa, con la proposta di “piano-casa” di Berlusconi. Obbedienti alla frusta del domatore i leoni regionali hanno attraversato tutti, magari con qualche mugugno, il cerchio di fuoco dell’abbandono della razionalità >>>
0


(19.02.2010)
Il paese dei coccodrilli: così meriterebbe d’essere ricordata l’Italia degli ultimi decenni. >>>
0


(29.01.2010)
La cacciata dei lavoratori poveri e stranieri da Rosarno ha sollecitato in molti di noi riflessioni che vanno al di là di quell’episodio. >>>
0


(20.01.2010)
Molte volte si è parlato della morte di Venezia. La sua decadenza è stata legata a diverse ragioni: le pestilenze, il degrado degli edifici, l’incuria degli uomini, l’esodo della popolazione, l’invasione delle acque; negli anni più recenti, la marea montante del turismo mordi e fuggi. >>>
0




0
0
20121102PPP
( 01.11.2012 13:40 )
Il 2 novembre 1975 moriva Pier Paolo Pasolini. Lo ricordiamo con il Lamento di Giovanna Marini: da leggere e ascoltare -->
20121025 B
( 25.10.2012 08:41 )
se ne va, dice. Ma il berlusconismo rimane -->
( 19.10.2012 20:10 )
20121017biodiversità_urbana
( 17.10.2012 15:02 )
20121009 cost
( 09.10.2012 09:05 )
Un paese a pezzi - Vogliono ripetere l’ errore dalla riforma costituzionale del 2001: ricostruire il rapporto tra stato e regioni, ieri per placare Bossi, oggi per accontentare la Triade. Senza fare lo sforzo di comprendere perché avevano sbagliato ieri e perché stanno sbagliando oggi -->
20121002 Hobsbawm
( 02.10.2012 04:15 )
Grazie per quello che, andandotene, ci hai lasciato qui in eddyburg alcuni suoi scritti -->
( 29.09.2012 09:04 )
20120928 regime
( 28.09.2012 11:25 )


Monti "scende in politica", tutti d'accordo (o quasi) -
verso il regime (ecco lo stemma) ? -->
( 24.09.2012 16:17 )
( 19.09.2012 13:39 )
( 19.09.2012 13:35 )
20120909Martini
( 09.09.2012 09:51 )
20030606 ?
( 09.09.2012 09:30 )
20120829 Rachel
( 29.08.2012 16:17 )
-->
20120827 Italo
( 27.08.2012 09:17 )
-Italo Insolera - Anche tu te ne sei andato, amico indimenticabile per gli "happy few", maestro per i tanti che hai fatto e farai crescere con le tue opere -->
( 18.08.2012 08:57 )
20120816 lex1150
( 16.08.2012 14:31 )
( 16.08.2012 14:06 )
«Per la determinazione dell'indennità di espropriazione delle aree di cui all'art. 18, non si terrà conto degli incrementi di valore attribuibili sia direttamente che indirettamente all'approvazione del piano regolatore generale ed alla sua attuazione». Ci è venuto in mente questo articolo quando abbiamo deciso di ricordare la nascita di quella che ancora è la fondamentale legge urbanistica italiana. Abbiamo inserito quella frase come pensiero del giorno, inseriamo come eddytoriale l’articolo che abbiamo chiesto a Vezio De Lucia. Eccolo di seguito. -->
Salzano, Edoardo
( 12.08.2012 16:05 )
( 12.08.2012 06:09 )

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg